News & ArticoliInfedele e omessa dichiarazione: Si patteggia senza pagare il debito

2 Agosto 20210
https://www.avvbrunocervone.it/wp-content/uploads/2021/08/Infedele-e-omessa-dichiarazione.jpg

La sentenza 11620 consolida l’orientamento favorevole per il contribuente

Chance anche per omesso versamento e compensazione di crediti non spettanti

Per i reati di infedele e omessa presentazione della dichiarazione di può accedere al patteggiamento senza aver preventivamente estinto il debito tributario. A confermarlo è la Cassazione con la sentenza 11620/2021. La pronuncia consolida l’orientamento di leggittimità (finora non univoco) favorevole al patteggiamento della pena, senza l’estinzione preventiva del debito tributario, non solo con riferimento ai reati di omesso versamento e compensazione di crediti non spettanti, ma anche per l’infedele e omessa dichiarazione.

L’accesso al patteggiamento per i reati tributari è, in via generale, subordinato al preventivo e integrale pagamento del debito. Ma per alcuni delitti il pagamento costituisce anche causa di non punibilità. E’ il caso di:

  1. a) omesso versamento di ritenute, Iva e indebita compensazione di crediti di imposta spettanti con pagamento prima dell’apertura del dibattimento;
  2. b) infedele o omessa presentazione della dichiarazione se il debito tributario, a seguito del ravvedimento operoso o della presentazione della dichiarazione omessa, avvenga prima che l’autore del reato abbia avuto conoscenza di controlli.

Secondo la sentenza (di conferma di precedenti pronunce 7415/2021, 10800/2019, 48029/2019) non vi è distinzione tra le citate fattispecie omissive dichiarative. Per esse non può valere, ai fini del patteggiamento, la regola dell’integrale pagamento. Infatti se l’imputato corrisponde il dovuto, non è più punibile e non avrebbe senso il patteggiamento.

Di contrario avviso altre sentenze (si vedano 47287/2019, 26529/2020) secondo cui per i reati dichiarativi la causa di non punibilità, a differenza degli omessi versamenti, prevede anche il pagamento prima dell’avvio dell’attività di controllo.

Ove dovesse confermarsi l’orientamento favorevole all’imputato, che ormai sembra maggioritario, l’accesso al patteggiamento senza pagamento del debito tributario deve estendersi anche ai reati di dichiarazione fraudolenta (con fatture false o altri artifici) per i quali decorrere dal 25 dicembre 2019, al pari dell’infedele e omessa presentazione, in presenza di pagamento prima dell’avvio di un controllo, scatta la non punibilità (articolo 13 del Dlgs 74/2000).

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

18 − 8 =

https://www.avvbrunocervone.it/wp-content/uploads/2020/03/logo-site-avv-cervone-mainlogo.png
80143 Napoli
penaletributariocer@libero.it
brunocervone@legalmail.it

CHIAMA ORA

La virtù della giustizia consiste in moderazione, come regolato dalla saggezza. Avvocato Bruno Cervone

Copyright © AvvBrunoCervone 2020