Dichiarazione Fraudolenta
con utilizzo di fatture false

(art. 2)

Descrizione della Fattispecie di Reato

Il delitto di dichiarazione fraudolenta con utilizzo di fatture false può essere  commesso da chiunque, al fine di evadere le imposte sui redditi o sul valore aggiunto, avvalendosi di fatture o altri documenti per operazioni inesistenti, indica in una delle dichiarazioni relative a dette imposte elementi passivi fittizi.

Sanzione Prevista

E’ la reclusione da 4 a 8 anni; (per le dichiarazioni presentate fino a 24 dicembre 2019: reclusione da 1 anno e 6 mesi a 6 anni)
Se l’ammontare degli elementi passivi fittizi è inferiore a 100.000 euro la reclusione è da 1 anno e 6 mesi a 6 anni

Nota bene
Per “fatture o altri documenti per operazioni inesistenti” si intendono le fatture o gli altri documenti aventi rilievo probatorio analogo in base alle norme tributarie, emessi a fronte di operazioni non realmente effettuate in tutto o in parte o che indicano i corrispettivi o l’IVA in misura superiore a quella reale, ovvero che riferiscono l’operazione a soggetti diversi da quelli effettivi

Intercettazioni delle conversazioni?

Custodia cautelare in carcere?

Responsabilità amministrativa società?

La Confisca del profitto del reato è sempre prevista in caso di condanna

La Confisca per sproporzione è ammessa se l’ammontare degli elementi passivi fittizi è superiore a 200.000 euro

E’ sanabile, però occorre pagare integralmente i debiti tributari, comprese sanzioni e interessi, a seguito del ravvedimento operoso prima che l’autore del reato abbia avuto formale conoscenza di accessi, ispezioni, verifiche o dell’inizio di qualunque attività di accertamento amministrativo o di procedimenti penali.

https://www.avvbrunocervone.it/wp-content/uploads/2020/03/logo-site-avv-cervone-mainlogo.png
80143 Napoli
penaletributariocer@libero.it
brunocervone@legalmail.it

CHIAMA ORA

La virtù della giustizia consiste in moderazione, come regolato dalla saggezza. Avvocato Bruno Cervone

Copyright © AvvBrunoCervone 2020